Archeotour

By / 2nd marzo, 2015 / / Off

serraorriosPartenza da Cala Gonone alle ore 09:00 in direzione Dorgali. Prima sosta fotografica sopra il fiume Cedrino per ammirare la confluenza di rio Flumeneddu e la chiesetta di San Pantaleo. Raggiungiamo in 5 minuti il Villaggio nuragico di Serra Orrios, antico insediamento nuragico risalente al 1600 – 900 a.C., in piena età del Bronzo. Dopo la visita guidata di circa 45’ proseguiamo in direzione Isalle dove immediatamente troviamo la Tomba dei Giganti di S’Ena e Thomes. Superiamo il cancello del terreno privato in cui ha sede il sito e ci avviciniamo alla struttura Dolmenica, con stele centinata monolitica eretta al centro di un’esedra, cioè spazio sacro semicircolare delimitato da lastre infisse a coltello nel terreno. Si prosegue dopo circa 30’ in direzione Galtellì, paese delle Baronie che a dispetto del suo ingresso non entusiasmante custodisce un affascinante centro Storico curato nei minimi dettagli. Al suo interno possiamo ammirare la Chiesa di Gesu Cristo risdalente al 1600, le antiche case padronali come Casa Marras trasformate in museo etnografico, le strade lastricate che ripercorrono la vita di Grazia Deledda, famosa scrittrice Sarda del secolo scorso. La partenza da Galtellì è dopo circa 1h ora e 30’ in direzione Grotta di Ispinigoli. Visita guidata alla famosa grotta verticale che custodisce la stalagmite più alta d’Europa e rientro a Cala Gonone dalal strada panoramica di Littu dove potremo ammirare l’incontaminata bellezza del Golfo di Orosei.
Difficoltà: T (turistica)
Durata: circa 4h ½ .
Lunghezza del percorso: circa 60Km ad anello con tempi di percorrenza massimi di 25’.
Equipaggiamento: abbigliamento comodo, zainetto con acqua, cappello, macchina fotografica.